Fotovoltaico invisibile: la nuova frontiera del design per il fotovoltaico

Emiliano Zoccolan
Emiliano Zoccolan

General Contracting

La questione ambientale sta acquisendo sempre maggior rilievo, tanto che l’Unione Europea sta cercando di attuare in maniera efficace una serie di misure pensate per incentivare l’utilizzo delle fonti di energia rinnovabili, fulcro di quello che deve essere il nostro futuro energetico.

Per citare un esempio, la Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, ha annunciato di recente il piano REPowerEU, pensato per affrontare le turbolenze del mercato mondiale dell’energia causate dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Il piano prevede, tra le tante proposte, che, a partire dal 2025 per gli edifici commerciali e pubblici e dal 2029 per le nuove costruzioni residenziali, vi sia l’obbligo di copertura solare. Il fotovoltaico rappresenta quindi una delle soluzioni più consolidate tra le rinnovabili, anche se, va ammesso, non sempre riesce ad accordarsi con l’estetica e l’architettura di un edificio o di un centro storico. In effetti l’impatto visivo di questa tecnologia sul paesaggio circostante può non sempre convincere, sia per una pura questione di estetica che per i vincoli architettonici a cui l’abitazione è soggetta. Un limite, questo, oggi superabile grazie alla nuova frontiera del design per il fotovoltaico: il fotovoltaico invisibile.

Stiamo parlando di un’innovazione che consentirà di beneficiare dei vantaggi del fotovoltaico senza intaccare l’estetica degli edifici: le tegole fotovoltaiche con celle invisibili.

 

Tegole fotovoltaiche con celle invisibili: di cosa si tratta?

Le tegole fotovoltaiche, già presenti sul mercato da molti anni, sono delle tegole nelle quali vengono integrate le celle fotovoltaiche in modo da poter installare un impianto fotovoltaico su tetto senza comprometterne il design. Per quanto il loro impatto estetico sia ridotto al minimo, le tegole fotovoltaiche tradizionali hanno la griglia fotovoltaica ben visibile. Per rimediare a questo inconveniente, oggi sono disponibili tegole fotovoltaiche di nuova generazione, caratterizzate da una griglia delle celle totalmente impercettibile alla vista e quindi completamente assimilabili alle normali tegole.

Grazie a queste tegole, è possibile installare il fotovoltaico in tutta tranquillità anche in zone soggette a vincoli paesaggistici o architettonici o su edificio di pregio, dal momento che rendono l’impianto fotovoltaico completamente invisibile.

Le tegole sono presenti sul mercato in colori e formati differenti per potersi adattare senza problemi a qualsiasi tipo e stile di tetto. È possibile anche avere tegole di dimensioni personalizzate.

La loro installazione può essere solo parziale, quindi ricoprire solo una parte del tetto, oppure integrale, e non richiede particolari accorgimenti, dal momento che il fissaggio può essere eseguito sui travetti di legno come per le tegole tradizionali.

Agevolazioni statali per l’impianto fotovoltaico

Le tegole fotovoltaiche possono usufruire delle stesse agevolazioni statali previste per i pannelli solari. Parliamo dell’ormai famoso Superbonus 110% e di tutti gli altri bonus fiscali attualmente in vigore. Per quanto riguarda il primo, ricordiamo che per le abitazioni indipendenti sarà valido fino al 31 dicembre 2022 mentre per i condomini fino al 2025 con aliquote annuali decrescenti.

Fotovoltaico invisibile, meglio con l’accumulo

Le tegole fotovoltaiche invisibili sono senz’altro un’ottima scelta in direzione della sostenibilità energetica e ambientale, che tutti noi abbiamo l’esigenza di attuare al più presto, ma anche un modo di rendere concreto il risparmio economico in bolletta. L’impianto fotovoltaico da solo, tuttavia, ha il limite di non riuscire a massimizzare l’autoconsumo, ossia raggiungere i più alti livelli di indipendenza energetica ed il minimo ricorso alla rete elettrica. Limite che può essere superato efficacemente grazie ai sistemi di accumulo.

FONTE: Senec.com

Ti potrebbe interessare

Contattaci

[everest_form id="5686"]