Strutture ombreggianti: quando sono necessari permessi edilizi per costruire

strutture ombreggianti
Emiliano Zoccolan
Emiliano Zoccolan

General Contracting

strutture ombreggianti

Non sempre la realizzazione di strutture ombreggianti come tettoie, pergolati, pergotende, gazebo e verande, rientra tra le opere di arredo esterno che si possono realizzare senza il ricorso ad appositi permessi edilizi. Questo succede specie se si tratta di costruzioni di grandi dimensioni e amovibili, che richiedono quindi i permessi comunali e amministrativi per essere realizzate. Scopri con Artech Edilizia Completa quali sono le strutture ombreggianti più diffuse.

Quali sono le tipologie di strutture ombreggianti più diffuse

Soluzioni pensate per vivere al meglio la propria casa, anche all’esterno. Le strutture ombreggianti ad oggi esistenti sono parecchie e differenti tra loro per modalità di realizzazione e impiego. Tutte hanno però un unico obiettivo comune: quello di ricreare un ambiente personalizzato secondo la propria idea di comfort, per il vero relax fuori dalle quattro mura. Grazie all’aggiunta di strutture ombreggianti all’esterno della propria abitazione, è possibile rilassarsi e divertirsi al riparo dal sole, potendo sempre godere di uno spazio privato all’aria aperta. La scelta della struttura ombreggiante migliore per la propria casa e il proprio giardino non passa solamente per lo stile delle quattro mura, ma anche per la valutazione delle planimetrie e, in alcuni casi, per specifici permessi comunali e amministrativi necessari per poterle realizzare. Ecco le tipologie di strutture ombreggianti più diffuse:

strutture ombreggianti

Veranda: è un’ottima soluzione ombreggiante e privata per creare un angolo di benessere e tranquillità su balconi, terrazzi, giardini. La veranda permette di chiudere superfici più o meno ampie dei propri esterni, con vetrate, finestre scorrevoli e un tetto.

Gazebo: struttura leggera, in ferro, legno o alluminio, ha una copertura nella sua parte superiore ma non ai lati. È facile da posizionare, quanto da smontare e rimuovere.

Pergotenda: molto similmente ad un gazebo, la pergotenda è una struttura facilmente installabile e removibile, che viene qualificata come componente di arredo esterno, senza per questo modificare la destinazione d’uso degli spazi.

Pergolato: si tratta di una struttura perfetta (e tra le più apprezzate) per ombreggiare giardini e terrazzi. In genere un pergolato è costituito da un’impalcatura di sostegno formata da montanti verticali uniti in alto da altri elementi orizzontali in modo da creare una struttura aperta su tre lati e sulla parte superiore da decorare a proprio piacimento ad esempio con ricche varietà di piante rampicanti.

Tettoia: quando il pergolato diventa una struttura inamovibile e coperta nella sua parte superiore, si parla allora di tettoia.

Quando è necessario il permesso edilizio per strutture ombreggianti

Vediamo subito quali, tra le strutture ombreggianti sopra accennate, pongono come necessaria la richiesta di adeguati permessi edilizi comunali e amministrativi per essere realizzate. Secondo le leggi stilate in materia di edilizia (Decreto Ministeriale 2 marzo 2018), non è necessario richiedere al proprio Comune alcun titolo edilizio per l’installazione, la riparazione, la sostituzione di gazebo, pergotende, pergolati. Hanno una semplice funzione accessoria e di arredo dello spazio esterno, spesso limitata nel tempo, non interferendo quindi con il cambiamento di volumetrie e destinazione d’uso degli spazi. Tutto purché siano di limitate dimensioni e non stabilmente ancorate al suolo. Diverso il discorso per quanto riguarda verande e tettoie. Le prime, in particolare, determinano di certo un cambiamento nelle volumetrie della casa, così come nel suo aspetto esterno, che necessita di essere comunicato preventivamente alla propria Amministrazione di residenza e, certamente, al resto dei condòmini se si abita all’interno di un condomìnio. Stesso vale per la realizzazione di una tettoia, soggetta a specifiche leggi in materia di costruzione edilizia. In genere non sono richiesti permessi ogniqualvolta si scelga di procedere con la realizzazione, riparazione e sostituzione di strutture ombreggianti considerate leggere e rimovibili.

strutture ombreggianti

Continua a seguirci sul nostro sito ufficiale Artech, per rimanere aggiornato su tutte le news. Ci trovi anche su Facebook e Instagram.

Ti potrebbe interessare

Contattaci

[everest_form id="5686"]