3 Modi per Presentare un Preventivo

Emiliano Zoccolan
Emiliano Zoccolan

General Contracting

Per fasi, a corpo o per fasce di costi: scopri le differenze e i vantaggi, per i professionisti e per i clienti

Opzione 1: Preventivo per fasi
Comprende tutte le prestazioni professionali, che sono suddivise per fasi e a ogni fase corrispondono i rispettivi importi. «Nei miei preventivi, dopo aver fatto un’introduzione riferita al sopralluogo conoscitivo effettuato o, in alcuni casi, al contatto telefonico avuto col potenziale cliente (contatto a cui segue spesso l’invio di documentazione illustrativa), divido le voci di preventivo in fasi di lavoro con i rispettivi onorari», dice l’architetta Francesca Romana Ferro Luzzi. «Per ogni fase specifico gli step della prestazione professionale relativa, al fine di rendere il più chiaro possibile il mio modus operandi(dalla fase progettuale vera e propria alla direzione lavori)».

Vantaggi per il cliente. I clienti hanno più consapevolezza di quanto stanno pagando per ciascuna lavorazione o prestazioni professionali e in caso di interruzione del rapporto l’onere sostenuto è facilmente quantificabile. Il cliente ha la possibilità di cambiare idea e interrompere i lavori, per eventuali imprevisti o disaccordi. «Suggerisco di lavorare a step in modo tale che il cliente non si senta in obbligo nei miei confronti e decida se continuare o meno in base alle sue esigenze», sottolinea l’interior designer Angela Baghino.

Vantaggi per il professionista. Il cliente paga fase per fase, cosi il professionista viene pagato appena conclude un avanzamento del lavoro, senza correre alcun rischio di pendenze economiche.

Opzione 2: Preventivo a corpo
Generalmente si utilizza quando le prestazioni sono limitate nel numero e nella complessità. Questo tipo di preventivi, detti informalmente anche “offerte chiavi in mano” sono meno articolate e consistono in un prezzo fisso stabilito prima di iniziare l’intervento. Generalmente comprendono servizi quali: progettazione, gestione pratiche burocratiche, pagamento di eventuali oneri, fornitura dei materiali, esecuzione e direzione dei lavori, chiusura dei lavori con eventuali pratiche per i Bonus.

Vantaggi per il cliente. I clienti danno carta bianca all’impresa o al professionista, che si occupa di qualsiasi aspetto dell’intervento. Il budget viene fissato a priori e comprende tutte le spese, dall’avvio alla conclusione.

Vantaggi per il professionista. L’impresa gestisce completamente l’intervento, snellendo il processo ed eventuali comunicazioni con i clienti perché le decisioni vengono prese a monte.

Opzione 3: Differenti preventivi (a corpo o per fasi) per differenti fasce di budget
In questo caso il professionista propone due o tre preventivi con costi diversi, ad esempio: uno economico, uno intermedio e uno di fascia alta.

Vantaggi per il cliente. Grazie a una gamma di diverse possibilità, il cliente ha più margini di scelta e può capire meglio come cambierà il risultato a seconda del budget investito.

Vantaggi per il professionista. Sicuramente questo metodo richiede più tempo, perché per preparare diversi preventivi bisogna rintracciare i prezzi di differenti materiali, prodotti e fornitori. Poi ovviamente anche le soluzioni progettuali proposte possono variare a seconda del budget, quindi probabilmente il preventivo più economico potrebbe non rispecchiare al meglio l’estro creativo del progettista, ma sicuramente fornire differenti opzioni da un lato crea molta fiducia agli occhi del potenziale cliente e dall’altro si hanno più probabilità che approvi almeno una delle offerte.

Strumenti per stilare i preventivi
Anche qui esistono svariate possibilità e ogni professionista può scegliere la procedura che trova più comoda.

«Per redigere i preventivi uso un modello, creato da me, che personalizzo in base alle richieste dei potenziali clienti», dice Francesca Romana Ferro Luzzi.

«La presentazione di un preventivo dipende fortemente da come si presenta un cliente. A volte il cliente ha già coinvolto un professionista che ha preparato un capitolato lavori e un progetto. In questo caso il lavoro della preventivazione risulta facilitato ma molto spesso le descrizioni delle lavorazioni e le scelte di materiali sono superficiali e quindi è necessario integrare con testi aggiuntivi. Lo strumento Preventivi di Houzz Pro in questo caso è molto comodo e aiuta nelle dinamiche comunicative con il cliente finale», dice Alessio Vincentelli di Reno Haus srls. «Molto più spesso creo un capitolato sulle richieste del cliente (quindi con diverse opzioni di budget, finitura, materiali, eccetera) ed anche in questo caso ho trovato nello strumento un utile alleato».

 

Fonte: Houzz.it

Ti potrebbe interessare

Contattaci

[everest_form id="5686"]